Medici di base e di famiglia: il vaccino anti pandemico sarà di loro competenza

Medicina Generale | Silvio Campione | 11/09/2009 17:24

Il vaccino contro l'influenza A sarà disponibile presso gli studi dei medici di famiglia, ed è ai medici di base che i cittadini che vorranno vaccinarsi dovranno dunque direttamente rivolgersi. Il vaccino sarà gratuito ma sarà somministrato, nella prima fase, ''solo alle categorie individuate nell'ordinanza del ministero del Welfare''.

A spiegare in che modo avverrà la campagna vaccinale è il segretario della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg) Giacomo Milillo. La vaccinazione, ricorda Milillo, ''sarà facoltativa e, almeno nella prima fase, nei nostri studi somministreremo il vaccino prioritariamente alle categorie indicate e non a chiunque desideri vaccinarsi''. Il prodotto, che non sarà venduto in farmacia, per le fasce di popolazione individuate sarà gratuito. Il vaccino sarà quindi distribuito, ha precisato Milillo, ''direttamente a chi lo somministra, e le vaccinazioni avverranno negli studi dei medici di base o, a seconda delle decisioni delle singole regioni, in altre sedi presso le asl regionali''. Ma come si organizzeranno i medici per far fronte alla domanda di vaccinazioni? ''Le vaccinazioni per l'influenza A - ha spiegato il segretario Fimmg - non verranno effettuate durante il normale orario di visita, ma individueremo giorni ed orari appositi. Questo - ha precisato - per una ragione in particolare: il vaccino è distribuito in flaconi multidose, di 10 dosi, e va consumato entro un preciso numero di ore. Per questo, il medico non può vaccinare in qualunque momento, ma ci saranno tempi dedicati a tale attività''. Quanto invece alla vaccinazione contro l'influenza stagionale, questa, ha confermato Milillo, ''inizierà come previsto dal primo ottobre e sarà gratuita per le categorie segnalate dal ministero, ovvero anziani sopra i 65 anni e cittadini con patologie. Anche in questo caso, i cittadini dovranno rivolgersi direttamente al medico di famiglia per essere vaccinati ed il vaccino non si acquista in farmacia''. Al momento, ha concluso Milillo, ''attendiamo però indicazioni dal ministero circa una eventuale covaccinazione , ovvero la possibilità di una somministrazione contemporanea dei due vaccini, per l'influenza e per quella stagionale''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato