Cardiologia: l’infarto può essere ereditato!

Redazione DottNet | 22/09/2009 16:55

ereditarietà infarto

Una nuova scoperta in cardiologia: il rischio di infarto è legato a geni ereditabili.

E’ stato dimostrato presso l’Università di Verona, i ricercatori si sono concentrati sul gene LOX 1 che reca un recettore capace di attrarre il colesterolo cattivo, l’LDL, sulle pareti dei vasi. Un accumulo di LDL porta alla formazione delle placche arteriosclerotiche. I ricercatori hanno selezionato cavie di laboratorio portatrici del gene e le hanno rese “KO” (Knock Out, prive del gene); in seguito, sono state sottoposte ad un’alimentazione ipercalorica ricca di grassi accompagnata da una vita sedentaria. Lo studio ha portato al seguente risultato: nelle cavie non è insorto l’infarto miocardico. Il gene LOX 1 aumenta di 3 volte il rischio infarto in un individuo che segue uno stile di vita non sano ma ciò non significa che la sua assenza escluda la possibilità di avere un infarto. Viceversa, in caso di episodio di infarto in famiglia esiste anche la possibilità di non ereditare il gene LOX 1, grazie alla ricombinazione genetica.