Emilia Romagna: Aou Modena, nuova equipe studia emodinamica fegato

Redazione DottNet | 30/09/2009 16:12

L'Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico di Modena si conferma all'avanguardia nella lotta alle malattie del fegato.

E' appena nata un'equipe di emodinamica epatica, coordinata da Filippo Schepis, all'interno della Struttura complessa di gastroenterologia ed endoscopia digestiva, diretta da Erica Villa. L'attività sarà presentata lunedì alle 10 nell'aula P01 del Centro didattico interdipartimentale della Facoltà di medicina e chirurgia di Modena.
Il meeting modenese affronterà tutti i temi fondamentali connessi con l'implementazione dell'attività di emodinamica epatica, dai suoi aspetti organizzativi al significato clinico e di ricerca dei parametri emodinamici epatici nella malattie croniche pre e post trapianto. Si parlerà quindi di una metodica mininvasiva di intervento sul fegato - si legge in una nota - che si basa sull'inserimento di cateteri nel sistema venoso, utile per misurare le pressioni all'interno del sistema vascolare epatico, per eseguire biopsie senza rischio di sanguinamento e per posizionare dei bypass tra la vena porta e le vene sovraepatiche.
Dopo alcuni mesi di sperimentazione, la nuova equipe per lo studio dell'emodinamica epatica del Policlinico inizierà a lavorare a partire da ottobre negli attrezzati locali dell'Endoscopia digestiva al IV piano del corpo centrale.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato