Dompè: la politica deve incentivare l’innovazione

Farmaci | Redazione DottNet | 08/10/2009 18:49

La spesa farmaceutica ospedaliera in aumento è una costante che avremo nei prossimi anni.

La previsione arriva dal presidente di Farmindustria Sergio Dompè: ''Non possiamo ignorare che l'aumento della popolazione anziana, degli immigrati e la capacità di curare malattie per cui prima non c'era un risultato faccia sì che di anno in anno gli addendi salgano'', ha detto Dompè, secondo il quale appropriatezza, valore dell'innovazione e compartecipazione del cittadino alle spese del sistema sanitario nazionale sono le linee da seguire. ''Siamo convinti che la sanità qualificata, la ricerca di eccellenze e la capacità dell'industria farmaceutica di indurre il ciclo di sviluppo possano essere uno dei motori di questo paese - ha aggiunto il presidente -. Lo abbiamo dimostrato in questi anni portando l'export dal 10 al 53%, con la competitività dei nostri prezzi (oggi il costo per assistito è il più basso d'Europa, 216 euro), e con i 240 progetti di sviluppo, di cui 140 in fase clinica''. ''Abbiamo bisogno però di una politica che incentivi l'innovazione, che dia tempi certi, che non si cambino tutti i giorni le regole. E abbiamo bisogno di un'Aifa forte a cui chiediamo di procedere sempre meglio a ispezioni e accertamenti nel mercato farmaceutico italiano'', ha concluso Dompè.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato