BMI e risposta glucocorticoide nell'asma

Pneumologia | Redazione DottNet | 08/09/2008 18:03

L’obesità nei pazienti asmatici può alterare la risposta alla terapia glucocorticoide. Presso il Dipartimento di Medicina del National Jewish Medical e Research Center di Denver negli USA è stato effettuato uno studio per valutare la relazione tra indice di massa corporea (BMI) e risposta a terapia con desametasone (DEX) in pazienti con o senza asma. 45 adulti non fumatori, 33 con asma e 12 senza asma, sono stati arruolati allo studio.

E’ stata valutata l’espressione di TNF-alfa in cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) ed in cellule del lavaggio broncoalveolare (BAL) ed è stata analizzata la relazione tra BMI ed espressione di MKP-1 (MAP kinase phosphatase-1) e TNF-alfa. L’espressione MKP-1 PBMC, DEX-indotta, è risultata ridotta in pazienti sovrappeso rispetto a pazienti con asma grave, rispettivamente con una “fold-induction” di 3.11 +/- 0.46 vs. 5.27 +/- 0.66. Negli asmatici è stata osservata una diminuzione di MKP-1 DEX-indotta pari a -0.16 +/- 0.08-fold in corrispondenza ad un aumento di BMI. L’espressione TNF-alfa PBMC nei soggetti asmatici è aumentata di 0.27 unità in log [TNF-alpha (ng/mL)] in relazione ad aumento di BMI. In cellule del lavaggio broncoalveolare, l’espressione MKP-1, DEX indotta, è risultata ridotta in pazienti sovrappeso/obesi vs asmatici magri. (1.36 +/- 0.09 vs. 1.76 +/- 0.15-fold induction, p=0.05). Risultati similari non sono stati osservati nel gruppo di controllo di pazienti non asmatici. In conclusione, i risultati dello studio hanno mostrato come BMI elevato è in relazione con alterata risposta in vitro a prednisone in asmatici obesi e sovrappeso.
• Per saperne di più

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato