Multitasking, l'ultima frontiera del cervello

Redazione DottNet | 08/09/2008 19:48

neurologia ricerca

Impazza, soprattutto al lavoro, il mulstitasking, ovvero la capacità di fare e seguire più cose allo stesso momento. Ma ci sono momenti della giornata in cui quest'attività del cervello appare più proficua, come hanno dimostrato gli scienziati americani.

Un occhio alla casella di posta elettronica, l'altro puntato sul telefono mentre, magari, si chatta in contemporanea con più persone, il tutto mentre si lavora: è il 'multitasking', ovvero la capacità del cervello di svolgere più attività allo stesso tempo. Una 'multidisciplinarità' che dipende da centri nervosi ad hoc, il cui livello di attività neurale predice il successo del multitasking stesso. I centri nervosi del multitasking sono i gangli basali, la corteccia anteriore cingolata, la corteccia prefrontale e quella parietale, la cui attivazione, ha scoperto Andrew Leber dell'Università del New Hampshire, aumenta quando il multitasking è efficiente, cioè quando dà buoni risultati. Presentato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, lo studio potrebbe fornire degli indicatori facilmente individuabili per stabilire in quale momento della giornata è più proficuo essere multitasking, ovvero quando l'esecuzione contemporanea di più compiti darà buoni frutti. ''Tipicamente sacrifichiamo l'efficienza quando siamo multitasking - spiega Leber - ma ci sono dei momenti in cui il comportamento multitasking dà buoni risultati. Tuttavia non si sapeva molto finora su come predire i momenti in cui il multitasking può riuscire meglio''. Questo studio dimostra che questi momenti ci sono e sono strettamente correlati all'attività dei centri del multitasking. Più questi si attivano nel cervello, spiega l'esperto, maggiore è l'efficienza con cui eseguiremo più compiti in 'modalità' multitasking. Monitorando il cervello di un gruppo di individui con la risonanza, spiega Leber, è emerso che cambiamenti nella performance del multitasking sono sempre preceduti da cambiamenti nell'attività di quei centri nervosi. In passato, spiega Leber, l'efficienza del multitasking era stata legata all'umore: quello positivo migliora il multitasking. ''Il buon umore è legato alla dopamina - sostiene - strettamente legata ai gangli basali, quindi è probabile che l'attività dei gangli basali sia legata all'efficienza del multitasking tramite la dopamina'' e quindi l'umore. La possibilità di predire quando siamo in uno stato ottimale per essere multitasking con il massimo dell'efficienza, aggiunge Leber, potrebbe essere un modo per aumentare la produttività nella nostra vita quotidiana. ''Penso che questi risultati possano aiutare a fare il punto e testare potenziali indicatori dell'efficienza del multitasking'', conclude Leber.