Napoli, credito ai farmacisti: pronta una iniziativa locale

Farmacia | Redazione DottNet | 14/10/2009 18:04

Banco di Napoli e Mediofactoring hanno presentato ai farmacisti di Campania, Basilicata, Puglia e Calabria, un accordo di collaborazione commerciale a supporto delle farmacie finalizzato a fornire credito al settore.

 La proposta d'accordo, è stata illustrata da Gaetano Miccichè, responsabile divisione Corporate & Investment Banking del gruppo Intesa-San Paolo, collegato in videoconferenza, da Antonio Nucci, direttore generale e responsabile della direzione Campania, Basilicata, Calabria e Puglia del Banco di Napoli, e da Rony Hamaui, amministratore delegato e direttore generale di Mediofactoring, ai presidenti di Federfarma Campania, Nicola Stabile, Napoli, Michele Di Iorio, Calabria, Michele Di Filippo, e Puglia, Francesca Conchiglia. L'accordo si sostanzia in un intervento finanziario a supporto delle oltre 3600 farmacie operanti in Campania, Basilicata, Puglia e Calabria. La facilitazione consiste nell'attuazione dei crediti, stimati in circa 2,5miliardi annui, vantati delle farmacie nei confronti del Servizio sanitario nazionale attraverso lo strumento del factoring. Ecco nei dettagli l'intervento congiunto di Banco Napoli e Mediofactoring. Il gruppo bancario si attiverà sul territorio per lo sviluppo e l'acquisizione delle farmacie, raccoglierà il contratto di fornitura a Ssn e la documentazione necessaria a istruire la pratica di fido, nonchè la documentazione obbligatoria. Il primo passaggio consiste nella cessazione notarile in massa pro solvendo dei crediti vantati dalla farmacia nei confronti del SSN, a favore di Mediafactoring, con un termine di finanziabilità massimo di 24 mesi. Il secondo step consiste nell'emissione da parte della farmacia di Ri.Ba. a carico di Mediofactoring, non confermata a Banco di Napoli), scadenza 180 giorni, di importo pari al valore della notula ceduta a Mediofactoring. A questo punto il Banco di Napoli eroga anticipazione alla farmacia smobilizzando la Ri.Ba. Al 180esimo giorno dalla data di cessione, in assenza di anomalie, Mediofactoring ritira la Ri.Ba. e addebita la posizione cedente della farmacia (termine di finanziabilità 24 mesi). A cura di Mediofactoring la gestione e l'incasso delle notule a chiusura dell'operazione. ''L'importo che sarà finanziato nell'arco dei primi sei mesi sarà di 200milioni di euro - spiega Antonio Nucci, del Banco di Napoli -. Ogni singola operazione avrà un tetto che sarà deciso in base al fabbisogno di ciascuna farmacia di volta in volta. I contratti e le condizioni sono standardizzati per snellire la burocrazia''. ''Plaudo all'iniziativa - ha commentato Michele Di Iorio, presidente di Federfarma Napoli - che sarà certamente portata all'attenzione dei commercialisti di Federfarma''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato