Medici, più errori all’inizio dell’anno accademico

Redazione DottNet | 14/10/2009 18:28

medicina-generale sanità medicina pensione previdenza sanità-pubblica sindacato

L'inizio dell'anno accademico alle facoltà di medicina è il periodo peggiore per essere ricoverati in un ospedale universitario, infatti in questo periodo aumenta la percentuale di eventi avversi.

 Lo rivela uno studio svolto da Guy Haller dell'Università di Ginevra sulla base di dati raccolti presso il policlinico universitario di Melbourne, Australia, attraverso l'analisi di 19.560 pazienti su un periodo di cinque anni (1995-2000). E' emerso che il tasso di eventi indesiderati sale all'inizio dell'anno accademico ed e' di 137 eventi per 1000 pazienti l' ora, contro 107 per 1000. Il problema che si riscontra all'inizio dell'anno accademico nei policlinici dove ci sono specializzanti e tirocinanti è di certo legato al periodo di transizione in cui questi giovani medici vengono inseriti in nuove strutture, si trovano a lavorare in un ambiente non familiare e senza una supervisione, ha spiegato Haller, e non è quindi legato di per sè all'esperienza clinica dei tirocinanti, in quanto anche i giovani medici alla fine del loro percorso di specializzazione post-lauream incorrono in errori quanto i 'novizi'.