Anti-angiogenesi: nuovo approccio alla terapia del cancro genito-urinario

| 15/10/2009 11:36

angiogenesi fattore-di cresita acidi-grassi omega-3

L’angiogenesi svolge un ruolo fondamentale nella sopravvivenza, nella proliferazione, e nel potenziale metastatico dei tumori, tra cui i tumori dell’apparato genito-urinario tumori.
Negli ultimi dieci anni, in seguito ai numerosi studi clinici sono stati identificati ed approvati diversi inibitori dell'angiogenesi.
 

I tumori genito-urinari sono gli unici che presentano percorsi specifici nella patogenesi, come ad esempio il coinvolgimento del gene Von Hippel-Lindau nel carcinoma renale e l’aberrante sovra espressione del fattore di crescita vascolare endoteliale nel cancro alla prostata, nei tumori della vescica e delle cellule transizionali. Da ciò si deduce l’importanza terapeutica di targeting quali gli inibitori dell'angiogenesi.
Attualmente sono disponibili rewiew che trattano delle vie biologiche, nonché delle motivazioni per l'uso di inibitori dell'angiogenesi nel trattamento dei tumori cellule renali, della prostata, della vescica e dei tumori delle cellule di transizione. Inoltre sono disponibili anche i dati relativi ai primi risultati conseguenti all’uso di tali inibitori nella pratica clinica.