Sanità Friuli: “falsi” dentisti, Nas chiudono 2 studi a Trieste e Gorizia contestata anche assenza autorizzazione sanitaria

Adelaide Terracciano | 15/10/2009 16:52

odontoiatri

Militari del Comando carabinieri per la tutela della salute-Nas di Udine hanno sequestrato due giorni fa, rendendolo noto solo oggi, due studi odontoiatrici, rispettivamente a Trieste e a Monfalcone (Gorizia), nel contesto di un servizio coordinato dalla Procura della repubblica del capoluogo regionale.

Il sequestro è avvenuto dopo una perquisizione, delegata dal pm Maddalena Chergia della Procura di Trieste, durante la quale è stato riscontrato l'esercizio abusivo della professione odontoiatrica da parte di un dentista triestino già sospeso dall'Ordine dei medici odontoiatri di Trieste nel dicembre 2008. Ma non solo: gli studi erano in esercizio in assenza della prescritta autorizzazione sanitaria. Il
valore degli studi odontoiatrici, di proprietà del dentista sospeso dall'Ordine, è stimato in circa 250 mila euro. La sospensione dall'Ordine del dentista era avvenuta dopo un'indagine condotta dal Nas nel 2004, che aveva portato alla denuncia del medico per esercizio abusivo della professione, in quanto aveva consentito la pratica odontoiatrica, nel proprio studio di Trieste, a un soggetto non abilitato.

Nel corso della perquisizione è stata sequestrata varia documentazione, sia relativa alle schede pazienti sia contabile, per verificare quante prestazioni siano state assicurate dall'atto della cessata abilitazione, risalente al dicembre 2008, a oggi.