Ginecologi: nel mondo 50% asportazioni utero evitabili

Ginecologia | Adelaide Terracciano | 19/10/2009 09:35

Per le donne l'asportazione dell'utero resta il più diffuso intervento al mondo dopo il taglio cesareo. L'hanno subita negli Usa una ultrasessantenne su tre, nel Regno Unito una su cinque e in Italia sono state eseguite nel 2004 circa 70.000 isterectomie. Eppure, ogni anno, il 50% di queste operazioni potrebbe essere evitato. Il dato arriva dal Congresso mondiale di ginecologia, che si chiuderà in questi giorni a Città del Capo (Sud Africa) e che riserva particolare attenzione ai trattamenti 'conservativi'.
 

"Oggi abbiamo nuove possibilità terapeutiche in grado di 'salvare' l'utero", spiega Emilio Arisi, direttore dell'Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale regionale S. Chiara di Trento e consigliere nazionale della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo). In particolare, i sanguinamenti eccessivi - la più diffusa patologia della mestruazione che riguarda una donna su 20 tra i 30 e i 49 anni - "vanno curati con un sistema intrauterino a rilascio di farmaco" evitando interventi invasivi come indicano anche le linee guida della Sigo. "Si avverte uno stimolo culturale nuovo - continua Arisi - una maggiore sensibilità a livello internazionale, che ha spinto anche altre società scientifiche nazionali, come quelle americana e inglese, a stendere linee guida sui flussi abbondanti. Un problema con importanti riflessi sulla qualità della vita della donna, forti disagi nella vita relazionale, lavorativa ed affettiva" e che "troppo spesso porta all'asportazione
dell'utero"

L'utilizzo del dispositivointrauterino, che libera in maniera costante, per 5 anni, una piccola quantità di progestinico, garantisce anche la sicurezza contraccettiva per tutta la sua durata d'uso. "E' un'ottima soluzione - dice l'esperto - anche per quei Paesi in cui vi è un alto tasso di aborti, soprattutto di quelli ripetuti. Il dispositivo può infatti essere inserito immediatamente dopo un'interruzione volontaria di gravidanza e questa rappresenta a nostro avviso un'utile strategia per mettere al sicuro donne che si trovano in una particolare situazione di vulnerabilità. Ogni 8 minuti nel mondo si registra una morte per complicanze legate ad aborti compiuti in condizioni di non sicurezza".
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato