Caffè come antidoto all’epatite C

Medicina Generale | Redazione DottNet | 21/10/2009 21:11

Qualche tazzina di caffè può essere utile a proteggere dai danni al fegato prodotti dall'epatite C: infatti l'amore per la tazzina abbassa del 53% il rischio di progressione della malattia epatica.

 Lo rivela uno studio diretto da Neal Freedman del National Cancer Institute (NCI), pubblicato sulla rivista Hepatology. La ricerca ha anche dimostrato che coloro che non beneficiano dei trattamenti standard contro l'epatite possono trarre giovamento dall'aumento del consumo di caffè. Secondo dati OMS l'epatite C colpisce 3-4 milioni di persone l'anno e nel 70% dei casi l'infezione diventa cronica aumentando il rischio di ammalarsi di cirrosi e cancro epatico. Gli esperti hanno esaminato 766 pazienti con fibrosi o cirrosi legate al virus e che non rispondevano alle terapie farmacologiche standard. I ricercatori hanno esaminato con quale velocità progredisse la loro malattia correlando questo dato col consumo individuale di caffè e visto che coloro che bevono tre o più tazzine al dì hanno il 53% in meno di rischio di progressione del danno epatico. La stessa associazione, dopo quasi quattro anni di monitoraggio dei pazienti, non è stata riscontrata con il tè e altre bevande, concludono gli esperti.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato