Artrite: nuovo scanner svela primi segni di danno a cartilagine

Redazione DottNet | 17/09/2008 11:05

Anche le cartilagini non avranno più segreti con il nuovo scanner messo a punto dai ricercatori statunitensi. La speciale risonanza magnetica può infatti visualizzare i bassi livelli di una sostanza chimica, il glicosaminoglicano (Gag), che serve alle cartilagini delle giunture per trattenere l'acqua e dunque restare elastiche.

Il nuovo strumento diagnostico potrà quindi evidenziare i primi segni dell'artrite, "riducendo al minimo il bisogno di un intervento chirurgico", dichiarano entusiasti gli ideatori, gli scienziati della New York University, nel corso del congresso dell'American Chemical Society. Si tratta di un passo in avanti rispetto a oggi, perché le risonanze a disposizione finora riescono solo a 'vedere' le cartilagini in cui manca l'acqua, e non quelle in cui l'acqua mancherà, per scarsità di Gag. Ora partiranno le sperimentazioni per testare lo strumento.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato