Snami, no ai certificati Inps on line

Redazione DottNet | 30/10/2009 19:35

certificati-online Inps sindacato Snami

''Certificati Inps on line? Non abbiamo informazioni sufficienti''. Con queste parole il presidente del Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami), Mauro Martini, ha commentato le notizie sull'entrata in vigore, il 15 novembre, delle nuove fasce di reperibilità per i lavoratori assenti per malattia.

 Il presidente della Snami, oltre ad essere favorevole all'ottimizzazione di risorse e tempi in ambito pubblico, si dichiara 'perplesso' riguarda l'obbligo d'invio dei certificati medici per via telematica, spedito direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria pubblica all'Inps. ''Questo decisionismo senza concertazione con i rappresentanti di categoria ci trova spiazzati - ha affermato Martini in una nota - vi sono alcuni problemi che vorremmo sottoporre al signor Ministro: il primo sono i tempi, 15 novembre 2009 è un po' troppo presto a nostro parere. Secondo problema: ammesso il software, come siamo sicuri che il certificato spedito dal medico raggiunga l'Inps? Credo - ha concluso il presidente - siano dubbi legittimi che non esisterebbero se il signor Ministro avesse convocato i rappresentanti sindacali in merito''.