Polmonite, Unicef e Oms scendono in campo per un piano globale

| 02/11/2009 21:27

Più di 5 milioni di bambini, secondo le stime dell'Unicef e dell'Oms, potrebbero essere salvati nei prossimi sei anni se il piano globale di lotta contro la polmonite venisse adottato in tutto il mondo. Il piano è denominato ''Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo della polmonite (Gapp).

La polmonite è la principale causa di mortalità tra i bambini sotto i cinque anni di età, al ritmo di oltre 4.000 decessi infantili al giorno. Interventi efficaci per ridurre le morti causate da polmonite devono essere utilizzati più ampiamente e resi più rapidamente disponibili per tutti i bambini a rischio. Il piano prevede una strategia per prevenire e controllare la polmonite, che oggi miete più vittime di qualsiasi altra malattia. Sappiamo che questa strategia funziona, e se fosse applicata nei paesi con alta concentrazione di casi saremmo in grado di evitare milioni di morti. Tre gli obiettivi principali della strategia Gapp: proteggere ogni bambino, garantendo un ambiente in cui il rischio di polmonite risulti basso, promuovendo adeguate pratiche igienico-sanitarie, come l'esclusivo allattamento al seno per i primi sei mesi di vita, una alimentazione adeguata e l'abitudine di lavarsi le mani; prevenire la contrazione della polmonite, attraverso un maggiore accesso ai vaccini specifici; curare i bambini che si ammalano di polmonite con la giusta terapia antibiotica, coinvolgendo le comunità locali. Le due raccomandazioni fondamentali della strategia riguardano il rafforzamento dei sistemi sanitari e l'accesso alle cure attraverso il potenziamento degli operatori comunitari.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato