Da Repubblica: Il test fai-da-te va a ruba in farmacia gli esperti: meglio rivolgersi al medico

Farmacia | | 08/11/2009 12:11

LA NUOVA mania è il test fai-da-te. Si acquista nelle farmacie milanesi, non c' è bisogno della prescrizione medica e rileva "la presenza degli antigeni dell' influenza tipo A e B (compresi i ceppi suini e aviari)". Il test è un tampone nasale: in dieci minuti promette un' autodiagnosi, ma generica.

 Vengono individuati gli antigeni influenzali, ma non è specificato di quale patologia siano indice (influenza stagionale o di tipo A). La casa produttrice del kit è la Voden medical instruments, che ha due sedi in provincia di Milano, e che commercializza una linea di strumenti per la diagnosi fai-da-te: dal test sul livello dell' alcol nel sangue a quello per il colesterolo. L' opuscolo informativo parla di prodotti "pratici, veloci, discreti e semplici". Ma il "Flu" test è anche affidabile? I farmacisti non possono garantirlo, e meditano di fronte alla genericità delle indicazioni. «Cosa si intende per influenza B? Potrebbe essere la stagionale, ma non ne siamo sicuri» dicono alla farmacia Boccaccio. Per ora l' unica certezza è che i test vanno a ruba: «Ne abbiamo venduti 103 in 20 giorni. Li comprano un po' tutti e c' è chi ne prende tre per volta». Eppure la comunità scientifica è perplessa riguardo agli esami fai-date. «Nessun medico ha affermato con sicurezza la validità di questi strumenti diagnostici - commenta Massimo Galli, primario del reparto di Malattie infettive all' ospedale Sacco - La gente vuole sapere di più sulla nuova influenza, ma non penso che questa strada sia quella giusta. Se il test rileva gli antigeni influenzali, cosa deve fare il malato? Automedicarsi? Meglio rivolgersi al proprio dottore».

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato