Studio prospettico: sordità neurosensoriale dopo radioterapia per carcinoma nasofaringeo

| 12/11/2009 12:55

Lo studio condotto presso il Dipartimento di Otorinolaringoiatria dell’Università del Changsha, Cina, ha avuto lo scopo di analizzare la gravità e l’incidenza della sordità neurosensoriale nei pazienti affetti da carcinoma neurofarigeo trattati con radioterapia. 42 pazienti affetti da carcinoma nasofaringeo sono stati trattati con radioterapia.

E’ stato poi eseguito un test audiologico per confrontare la capacità uditiva prima e a diversi stadi della radioterapia. Ad un mese dalla radioterapia, un incremento significativo della soglia uditiva è stato osservato solo per le alte frequenze. A 12, 24 e 60 mesi dalla radioterapia è stato osservato un aumento significativo per le frequenze del linguaggio (4.0 and 8.0 kHz) rispetto ai valori precedenti la terapia. La media dei valori delle latenze delle onde I, III e V e della latenza degli intervalli di picco I-V non sono stati significativamente modificati ad un mese dalla radioterapia, ma significativamente allungati dopo 12, 24 e 60 mesi di radioterapia. In conclusione, nei pazienti affetti da carcinoma nasofaringeo trattati con radioterapia, la gravità e l’incidenza delle sordità neurosensoriale aumenta nel tempo, coinvolgendo soprattutto le alte frequenze. Questi danni potrebbero essere correlati all’alterazione dei pathways cocleari e retrococleari.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato