Boehringer Ingelheim e GlaxoSmithKline sostengono il richiamo dell’ EFA

| 25/11/2009 16:38

aziende-farmaceutiche

Boehringer Ingelheim e GSK, company con un grosso patrimonio in COPD (malattia polmonare cronica distruttiva) ed impegno al fine di migliorare la cura del paziente, hanno annunciato il loro supporto al richiamo dell’ European Federation of Allergy e Airways Diseases Patients Associations (EFA) per un miglioramento urgente nella cura di persone con COPD.

In coincidenza della Giornata Mondiale della COPD 2009, l’EFA ha pubblicato una panoramica globale della COPD in Europa, il Libro EFA sulla COPD in Europa: Sharing and Caring che evidenzia i successi locali e le serie carenze nel modo in cui la malattia è diagnosticata e gestita.
La COPD è una patologia cronica polmonare associata ad un alto livello di mortalità. Secondo le ultime stime dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) 210 milioni di persone sono afflitte da COPD ed essa si classifica attualmente come quarta principale causa di morte. Comunque la WHO predice che diverrà la terza causa principale di morte nel mondo entro il 2020. L’obiettivo degli sforzi dell’ EFA nei prossimi mesi sarà ridurre l’ impatto della COPD pazienti ed i loro fornitori di cure e focalizzare gli sforzi su un richiamo all’ azione per miglioramenti effettivi.
BI e GSK, che sponsorizzano il progetto, supportano la conclusione dell’ EFA che c’è urgente bisogno di una strategia coordinata di supporto sia a livello nazionale che europeo.