Federchimica: più controlli contro i falsi farmaci

| 30/11/2009 21:07

farmaci

Elaborazione di strategie operative, monitoraggi e servizi di controllo su tutti i settori merceologici rappresentati da Federchimica: questo l'obiettivo dell'accordo siglato a Milano tra il Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute, che coordina l'attività dei Nas (Nuclei Antisofisticazioni e Sanità), e Federchimica, la Federazione Nazionale dell'Industria Chimica.

 I sequestri effettuati negli ultimi tre anni dai Carabinieri nel settore cosmetico e degli agrofarmaci, cui si aggiungono farmaci veterinari, principi attivi farmaceutici, medicinali di automedicazione e detergenti, valgono quasi 50 milioni di euro. La chimica è uno dei settori che più subisce il fenomeno della contraffazione: per quanto riguarda i cosmetici, che in Italia hanno un mercato di quasi 8.800 milioni di euro, si stima che il mercato parallelo, che potenzialmente contiene il contraffatto, si aggiri sui 100 milioni di euro, ovvero 5% del mercato dei dentifrici e addirittura il 10% se parliamo di profumi. Per quanto riguarda gli agrofarmaci, la quota dei prodotti illegali è stimata intorno ai 30 milioni di euro, pari al 4% del totale. Casi di contraffazione affliggono anche il settore dei prodotti per la salute animale: il fenomeno interessa circa il 3-5% delle specialità farmaceutiche per animali. ''La formalizzazione dell'accordo tra Federchimica e il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute costituisce uno strumento fondamentale per contrastare il dilagante fenomeno della contraffazione, - ha dichiarato il Generale Cosimo Piccinno - salvaguardando la salute dei consumatori e la stabilità delle Imprese sane del nostro Paese''.