Bristol-Myers Squibb a favore dell’AIDS

Redazione DottNet | 02/12/2009 10:43

Il Fondo Nazionale per l’AIDS (NAF) e Bristol-Myers Squibb Company (NYSE: BMY) hanno annunciato la loro intenzione di lanciare “Positive Charge”, un’ iniziativa pluriennale con l’intento di aiutare a rompere le barriere che non permettono alle persone che vivono con l’HIV di ricevere la cura, il trattamento ed il supporto necessario per questa patologia. Ci si aspetta che l’iniziativa venga lanciata nel gennaio 2010.

Bristol-Myers Squibb ha commissionato un sondaggio nazionale durante lo scorso anno per comprendere meglio le barriere al testing, cura e trattamento dell’ HIV. Il sondaggio ha enfatizzato che ci sono barriere personali, sociali e strutturali significative che non permettono alle persone di agire. Il sondaggio ha anche evidenziato che alcuni prestatori di cure sanitarie possono sottostimare il ruolo che le barriere personali e sociali giocano nel prevenire che le persone ricevano cure e trattamenti. Per esempio, a coloro che dovevano rispondere venivano chiesti i motivi per cui le persone con HIX non stavano ricevendo cura o trattamento.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato