Anziani, il codice argento riduce la mortalità al pronto-soccorso

| 02/12/2009 20:04

Il Codice Argento in pronto soccorso riduce di un terzo la mortalità degli anziani entro un anno dal ricovero. Lo confermano i primi risultati ottenuti su oltre 3.000 over 75 nella regione Lazio che insieme con Veneto, Toscana e Sicilia ha introdotto la sperimentazione di questo nuovo codice dedicato agli anziani nelle accettazioni del pronto soccorso.

 Il Codice Argento viene assegnato dopo una valutazione semplice e rapida dell'anziano e indica quando è più opportuno un ricovero in reparti di geriatria. Ideato da un gruppo di ricercatori, coordinato dal professor Niccolò Marchionni del Dipartimento di geriatria dell'Università di Firenze, il metodo consente di assegnare il Codice Argento a ogni paziente accompagnandolo con un 'punteggio' indicativo della gravità del caso tenendo conto di sesso, età, stato civile, ricoveri ospedalieri precedenti, assunzione di farmaci, per ottenere un punteggio che indica quattro classi di rischio predittive della gravità clinica. ''I casi più seri sono quelli che totalizzano oltre 7 punti - spiega Marchionni - e in questi soggetti si è osservato che il ricovero in un reparto di geriatria o di medicina interna può fare la differenza fra morire e sopravvivere. Per chi ha un codice argento con 11 o più punti, ad esempio, il fatto di essere curati da un geriatra riduce del 30% la mortalità durante e dopo il ricovero in ospedale''. I dati, discussi nel corso del 54/o congresso della società italiana di gerontologia e geriatria di Firenze, mostrano l' importanza della presenza di geriatri negli ospedali, ma gli specialisti denunciano la carenza di personale: per circa 6 milioni di over 75 in Italia sono appena 2.800 gli specialisti e solo 150 i reparti di geriatria distribuiti nel Paese a macchia di leopardo, con deficit al Sud dove i posti letti di geriatria sono rari. ''Ne servirebbero almeno il doppio'', osserva Marchionni.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato