Lombardia, maxi database contro malattie cardiovascolari

| 03/12/2009 17:52

cervello ipertensione

Un maxi archivio informatico (Data Warehouse) da oltre un miliardo di file che registra prestazioni sanitarie, risposte dei pazienti alle terapie prescritte, risultati ottenuti nel contrasto alle malattie cardiocerebrovascolari.

E' il 'tesoretto' che la Regione Lombardia ha costruito negli anni attraverso una partnership con Pfizer. Pubblico e privato alleati in nome dell'appropriatezza delle cure. A questo punta il progetto Virgilio (su cui Pfizer ha investito 2,5 milioni di euro), nato tre anni fa e oggi riconfermato per altri tre anni, come annunciato dal presidente della Regione, Roberto Formigoni, oggi a Milano durante il convegno 'Il contributo del privato nell'attuazione del Piano socio sanitario regionale'. Lo studio sulle patologie cardiocerebrovascolari e su una patologia rara (l'ipertensione polmonare), l'utilizzo delle nuove tecnologie in Sanità, in grado di fornire informazioni puntuali sulle prestazioni e sulla risposta dei pazienti alle terapie prescritte, con l'obiettivo di ottenere una sempre maggiore appropriatezza. Sono gli ambiti su cui si è concentrato il progetto: "Regione Lombardia e Pfizer in questo caso - sottolinea Formigoni - hanno collaborato per cercare soluzioni volte a sperimentare nuovi modelli organizzativi e di cura". Al convegno organizzato al Pirellone è intervenuto anche il Viceministro alla Salute Ferruccio Fazio, che ha definito la Lombardia "un'apripista sul fronte della sinergia fra pubblico e privato in Sanità".