Fp Cgil su stop RU486: atto cieco del governo contro donne

Adelaide Terracciano | 04/12/2009 13:02

"Con la richiesta della commissione Sanità del Senato al Governo di non immettere in commercio la Ru486, si compie l'ennesimo atto ideologico e cieco nei confronti delle donne italiane, in un clima in cui la sterile propaganda ha preso il posto del buonsenso". Così in una nota Carlo Podda, segretario generale Fp Cgil nazionale.

"Possiamo immaginare - sottolinea Podda - che il Governo darà seguito a questa richiesta in un batter d'occhio, viste le dichiarazioni di ministri e autorevoli esponenti della maggioranza. Saremmo felici - aggiunge - di essere smentiti". Secondo il segretario della Fp Cgil, "per l'ennesima volta, un Governo accecato dall'ideologia, per accreditarsi oltre tevere fa pagare alle donne la propria arretratezza culturale".
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato