Fratture del femore da osteoporosi, le novità

Ortopedia | | 10/12/2009 14:19

Presentato a Torino, in occasione del Congresso SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro), un nuovo studio retrospettivo osservazionale di pratica clinica, il “Longitudinal Change in cLinical fracturEincidence AfteRinitiation of bisphosphonates“ (CLEAR), che valuta l’efficacia dei tre bisfosfonati orali (risedronato, alendronato, ibandronato) più utilizzati nella cura dell’osteoporosi in condizioni di pratica clinica reale.

Lo studio, che ha analizzato i dati di incidenza delle fratture relativi ad oltre 210.000 pazienti, conferma l’efficacia di risedronato ed alendronato nella protezione dalle fratture vertebrali, non vertebrali e di femore, mentre per ibandronato lo studio evidenzia l’efficacia esclusivamente nella prevenzione delle fratture vertebrali. Lo studio, pubblicato su “Osteoporosis International” , ha quindi dimostrato come i risultati ottenuti nella comune pratica clinica sono in linea con i risultati ottenuti nei trial clinici sulla riduzione delle fratture osteoporotiche. In particolare sulle fratture di femore, viene confermata l’efficacia di risedronato, che ha ridotto significativamente l’incidenza di tale fratture (-27% dopo 15 mesi), così come alendronato (-18%), mentre per ibandronato viene ribadito che non è stata stabilita l’efficacia sulle fratture di femore in quel periodo1. “Lo studio fornisce una risposta ad un quesito molto importante, in quanto l’efficacia delle terapie per l’osteoporosi dimostrata negli studi clinici randomizzati potrebbe non essere la stessa nella comune pratica clinica a causa delle differenze tra i pazienti e il tipo di assistenza medica che possono ricevere” - dice il Prof. Ferrari (Dipartimento di Malattie Ossee – Ospedale Universitario di Ginevra – Svizzera). “I risultati di questo studio ci rassicurano che le terapie che hanno mostrato una riduzione nelle fratture non vertebrali e di femore negli studi clinici randomizzati offrono una efficacia comparabile anche nella comune pratica clinica”.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato