Influenza H1N1: in Francia allo studio vaccinazioni in azienda

Redazione DottNet | 11/12/2009 12:37

Presto i lavoratori francesi potranno vaccinarsi contro l'influenza A direttamente nelle proprie aziende. E' l'obiettivo del ministro della Salute d'Oltralpe, Roselyne Bachelot, che sta valutando questo progetto anche per superare le difficoltà dei centri di vaccinazioni intasati, dove si sono registrate lunghe attese negli ultimi giorni obbligando il Governo a rafforzare le misure messe in campo.

Ma il ministro continua ad escludere il coinvolgimento dei medici di famiglia, perché la vaccinazione "negli ambulatori costerebbe il triplo" e assorbirebbe tempo prezioso dei professionisti, dice.
Più agevole, per la responsabile della sanità francese, sarebbe vaccinare i lavoratori nelle aziende, in particolare quelle più grandi. Coinvolgendo i medici del lavoro - già 'arruolati' per dar manforte ai centri sovraffollati, insieme ai medici militari e agli studenti di medicina - quando saranno disponibili dosi sufficienti. Nel Paese, oltre ai centri vaccinali, l'immunizzazione viene effettuata anche nelle scuole superiori, dove i ragazzi si sottopongono alla vaccinazione direttamente negli ambulatori scolastici.
Bachelot, comunque, continua a tenere testa ai sindacati della medicina generale che criticano la scelta di escludere i camici bianchi di famiglia dalla campagna vaccinale. "E' un capitale da preservare", ha spiegato in un'intervista a 'Le Monde'. "Le visite in questo periodo di influenza si attestano a un milione di consultazioni a settimana. Un aumento di 20 visite a settimana per ogni medico di base. Questa influenza colpirà duro nei prossimi mesi, in particolare nel periodo natalizio. Noi dobbiamo garantire l'assistenza ai malati. Si immagini l'effetto dominio immediato se i medici di famiglia dovessero occuparsi di vaccinare invece di dedicare tempo alle persone malate".


 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato