Carta d’identità per farmacogenetica

| 14/12/2009 22:01

Una 'carta di identità genetica' consentirà di personalizzare con precisione farmaci e cure per ogni singolo paziente. Il dispositivo, una sorta di 'card' farmacogenetica, è stato presentato da Pharmadiagen, neonata spin-off tra il Dipartimento di Farmacologia del Centro di riferimento oncologico (Cro) di Aviano (Pordenone), Diatech e Polo Tecnologico di Pordenone.

 All'incontro ha preso parte Mark Ratain, dell'Università di Chicago, uno dei pionieri della farmacogenetica negli Stati Uniti e nel mondo. ''Il nostro obiettivo - ha spiegato - è trovare il farmaco giusto nella giusta dose per quel particolare tipo di paziente, e ci impegniamo nello studio sulle risposte dei malati al medicinale che viene loro somministrato, oltre che - ha sottolineato - sulla sua efficacia''. Per Ratain ''abbiamo a disposizione un grande bagaglio di conoscenze da mettere in pratica. Oggi però è necessario che il medico, al momento di compilare la ricetta, sia in possesso di tutte le informazioni - ha concluso - sul profilo genetico del paziente''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato