Rigenerazione del nervo corneale nella cheratite neurotrofica

Redazione DottNet | 17/12/2009 16:34

Al fine di valutare gli effetti dell’applicazione topica di plasma autologo sulla mofrologia del nervo corneale nei pazienti affetti da cheratite neurotrofica (NK) è stato condotto un recente studio da ricercatori americani.

Sono stati selezionati 6 pazienti affetti da NK ed è stata analizzata la sensibilità corneale con gli estesiometri di Cochet-Bonnet e di Belmonte. È stato utilizzato il tomografo retinico di Heidelberg per analizzare la superficie corneale ed il plesso nervoso subepiteliale. 4 analisi sono state selezionate in modo random e sono stati analizzati i nervi corneali. L’applicazione topica di plasma autologo è stata ripetuta 6-8 volte al giorno. BCVA è migliorato in modo significativo in tutti i pazienti dopo il trattamento (P =0.003). Si è evidenziato un aumento significativo della sensibilità corneale misurata con l’estesiometro di Cochet-Bonnet (P < 0.0001) e con quello di Belmonte (P = 0.01). Il numero, l’estensione, l’ampiezza e la densità del plesso nervoso subepiteliale è significativamente aumentato in seguito al trattamento (P=0.0002). In conclusione, l’esame in vivo eseguito attraverso il microscopio confocale rivela l’efficacia dell’applicazione topica di plasma autologo nel trattamento della cheratite neurotrofica.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato