Triamcinolone nel controllo degli essudati lipidici tipici del Morbo di Coats

| 17/12/2009 16:40

Studi recenti riferiscono l’efficacia del Triamcinolone nel trattamento del Morbo di Coats. 15 pazienti affetti dal morbo di Coats sono stati trattati con 4mg/0.1ml di triamcinolone somministrato con iniezione intravitreale per 1 anno.

Come terapie addizionali sono state effettuate: drenaggio del fluido subretinale attraverso sclerotomia inferiore, ablazione periferica con laser o crioterapia, estrazione della cateratta e vitrectomia. In tutti i pazienti è stato ottenuto un miglioramento dell’acuità visiva. Un solo paziente è stato sottoposto al trattamento per il glaucoma per controllare l’aumento della pressione intraoculare. In conclusione, il triamcinolone migliora l’assorbimento del fluido subretinale e dell’essudato maculare nel morbo di Coats. Come principale complicazione a seguito della somministrazione intravitreale di 0.4mg/0.1 ml di triamcinolone si è manifestata la cataratta nel 40% dei pazienti pediatrici.