Tumori: italiani scoprono proteina chiave per crescita cancro

Oncologia | Redazione DottNet | 12/09/2008 15:53

Scoperta da un gruppo di ricercatori italiani una proteina chiave per la crescita dei tumori. Lo studio, condotto presso l'Irccs San Raffaele di Milano, è pubblicato online oggi su 'Nature', e rivela la fondamentale funzione di una molecola alla base dei meccanismi della vita. In pratica la eIF6 è una sorta di interruttore, che regola la crescita dei tumori, costituiti da cellule impazzite che si riproducono in modo più rapido di quelle sane.

Da qui una delle possibili e più importanti ricadute mediche della scoperta: questa proteina potrebbe essere un nuovo importante bersaglio alla base di innovative strategie terapeutiche anticancro.
Riducendo la produzione di eIF6, infatti, si potrebbe rallentare la crescita dei tumori. Non solo, i ricercatori hanno identificato una caratteristica molto peculiare della proteina: fa 'ingrassare'. A una sua ridotta produzione da parte dell'organismo, corrisponde una riduzione cospicua e specifica della formazione di grasso nel corpo. Insomma, meno proteina equivale a meno grassi. Il lavoro è stato realizzato dall'Istituto San Raffaele e dall'Università Vita-Salute San Raffaele in collaborazione con l'Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro e la Northwestern University di Chicago, negli Stati Uniti. Primo autore della ricerca è Valentina Gandin, ricercatore del laboratorio di Istologia molecolare e crescita cellulare al San Raffaele, mentre la ricerca è stata coordinata da Stefano Biffo, responsabile dello stesso laboratorio e docente all'Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato