Staminali: a Napoli corso su raccolta sangue cordonale partorienti

| 11/01/2010 11:18

cordone-ombelicale sangue trapianto

Uniformare e omogeneizzare i sistemi di raccolta del sangue cordonale donato dalle partorienti. E' l'obiettivo del corso di formazione nazionale gratuito per ostetriche e volontari promosso dalla Federazione nazionale Consigli ostetriche (Fnco) e dall'Associazione donatori cellule staminali (Adoces), con il sostegno finanziario del Movimento del volontariato italiano (Movi.)

L'appuntamento è in programma in questi nella Seconda università degli Studi di Napoli. Il corso - spiega una nota - rappresenta il punto di riferimento per tutto il Centro Italia e le richieste di partecipazione arrivate, ben al di sopra dei 35 posti disponibili, dimostrano che il mondo professionale e del volontariato, particolarmente attento all'evoluzione tecnico-scientifica, sa accogliere i bisogni della popolazione e si adopera per tradurli in operatività concreta. Il corso di Napoli è l'ultimo dei tre appuntamenti nazionali organizzati nel 2009; i primi due si sono svolti a Venezia e a Reggio Calabria. Queste occasioni formative affiancano la campagna di informazione 'Le cellule staminali cordonali: risorsa biologica per l'intera umanità', volta a sensibilizzare operatori e genitori sulla possibilità di donare il sangue cordonale. "L'auspicio - spiegano Alice Bandiera, vice presidente Adoces, e Miriam Guana, presidente Fnco - è che, partendo da una visione comune, le varie realtà operative promuovano costantemente un aggiornamento che segua l'evoluzione tecnico-scientifica e normativa, permettendo performance di alta qualità secondo standard nazionali e internazionali. Il ruolo degli operatori, infine, è di primaria importanza anche nella sensibilizzazione alla donazione delle donne straniere, perché, a causa delle caratteristiche genetiche differenti dalle nostre, spesso i connazionali che necessitano di trapianto non trovano donatori compatibili".