Un farmaco contro l'herpes tiene sotto controllo l'Hiv

Redazione DottNet | 13/09/2008 11:45

La scoperta arriva dagli Stati Uniti. Ma il farmaco non previene l'infezione

Un farmaco generico, di poco costo e diffusissimo nel trattamento dell'herpes ha mostrato di riuscire come 'effetto collaterale' a tenere sotto controllo i livelli del virus Hiv nel sangue dei pazienti. Si tratta del prodotto a base di 'acyclovir': nei test condotti all'Istituto nazionale per la salute infantile e lo sviluppo di Bethesda i ricercatori guidati da Leonid Margolis hanno scoperto che i pazienti sieropositivi che prendevano acyclovir per l'herpes avevano quantità inferiori del virus Hiv. D'altro canto però gli esperimenti hanno evidenziato che il medicinale in questione non ha la capacità di prevenire l'infezione con il virus dell'Aids. ''A fronte di una soppressione del virus dell'herpes anche il virus Hiv è diminuito - ha osservato Margolis - ma questo accade solo in presenza del virus dell'herpes, se lo si elimina e si studia l'attivita' di acyclovir in cellule 'pure' infette con l'Hiv, il farmaco non ha più alcun effetto''. E' quindi il virus dell'herpes che in qualche modo trasforma l'efficacia della medicina, inducendola a lavorare anche contro l'Aids. Gli scienziati ritengono che ''questi risultati apriranno un nuovo cammino di studi per la ricerca contro l'Aids''. Il rapporto è pubblicato sulla rivista 'Cell host & microbe'

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato