Glaxo apre l’accesso a 13.500 composti contro la malaria

Aziende | Redazione DottNet | 20/01/2010 12:47

Per la prima volta un'azienda farmaceutica decide di rendere liberamente accessibili 13.500 composti che potrebbero portare a cure efficaci contro la malaria.

L'annuncio a New York dal presidente dell'azienda farmaceutica GlaxoSmithKline, Andrew Witty, nel Council on Foreign Relations. L'obiettivo è di favorire la collaborazione e ridurre i tempi per futuri farmaci contro la malaria che abbiano costi accessibili per i paesi in via di sviluppo. Nella stessa ottica Witty ha annunciato la creazione del primo ''Open Lab'', un laboratorio aperto che studierà farmaci per 16 malattie tropicali, diffuse nel Sud del mondo. La struttura, finanziata con 8 milioni di dollari, nascerà presso il centro di ricerca dell'azienda in Spagna, a Tres Cantos. E' destinato a diventare il simbolo e uno dei cardini della nuova strategia dell'azienda, che Witty ha definito ''un'azione efficace nel contribuire alla causa dei Paesi in via di sviluppo'' e ''un impegno personale nel migliorare le condizioni di salute in queste popolazioni''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato