Commissione UE chiede dati su accordi anti-generici

Redazione DottNet | 21/01/2010 10:05

enpam medicina-generale pensione previdenza

Le autorità antitrust della Commissione Europea hanno richiesto ad alcune aziende farmaceutiche dettagli su accordi riguardanti brevetti su loro prodotti, in particolare quelli conclusi fra l'1 luglio 2008 e il 31 dicembre 2009.
 

La Commissione ha fatto sapere che questa attività di monitoraggio è stata organizzata alla luce dei risultati emersi dall'indagine sulla concorrenza nel settore farmaceutico, pubblicata a luglio, e che si concentrerà soprattutto sugli accordi stretti per ritardare l'arrivo sul mercato del vecchio continente di medicinali generici, a basso costo. "Dobbiamo monitorare questo tipo di intese - ha evidenziato la commissaria per la Concorrenza Neelie Kroes - per capire meglio perché, da chi e con quali condizioni vengono firmate. Questi controlli ci permetteranno inoltre di intervenire, cosa che si fa sempre più necessaria". Le autorità antitrust hanno dunque richiesto a un numero non specificato di aziende di fornire copie degli accordi sottoscritti e informazioni aggiuntive. Una volta ricevuti i dati, la Commissione li esaminerà e pubblicherà un'analisi in merito, dai cui risultati dipenderà il possibile ampliamento del monitoraggio. I nomi delle aziende che hanno ricevuto queste richieste di informazioni non sono stati resi ufficialmente noti, ma AstraZeneca, Boehringer Ingelheim, GlaxoSmithKline, Novartis, Roche e Sanofi-Aventis, oltre a Teva e Niche Generics come industrie di farmaci generici, hanno confermato di essere state contattate a tal proposito.