Da Assofarm: Rinnovo della convenzione con la Carta Acquisti Sociale

Redazione DottNet | 23/01/2010 20:18

Al rinnovo della convenzione della Carta Acquisti anche per il 2010, offerta a cittadini che versano in condizioni di bisogno assoluto cui Assofarm è stata tra le prime istituzioni ad aderire, sono emersi risultati di grande interesse sull’utilizzo della stessa durante il 2009.
 

Firmando la convenzione, Assofarm si impegna ad applicare uno sconto del 5% sul venduto parafarmaceutico a tutti i possessori della carta, offrendo così un ulteriore aiuto ai nostri concittadini più bisognosi. Uno dei dati più critici emersi dall’esperienza di quest’anno arriva da Federdistribuzione, che rappresenta circa l’80% della gdo italiana, secondo la quale nel novembre scorso c’è stata un ulteriore e più drammatica contrazione dei consumi, specialmente proprio tra i detentori della carta. Segno quindi che per le fasce più deboli della popolazione la crisi è ben al di là da essere finita.
Un altro elemento invece di grande interesse arriva dai funzionari del Ministero dell’Economia e delle Politiche Sociali, che insieme gestiscono il funzionamento della Carta. Ciò che è stato notato che le telefonate che arrivano al numero verde di servizio all’utilizzo della Carta sono quasi interamente effettuate da telefoni cellulari. Vale inoltre la pena di ricordare che nessuna delle maggiori compagnie telefoniche applica sconti ai possessori della Carta.
Ora, incrociando i due dati, si deve supporre che il paniere dei beni considerati primari è evidentemente mutato: gli alimenti sono meno “primari” della possibilità di chiamare chiunque in ogni momento. Non si tratta di semplice consumismo, ma forse di una necessità di socialità e di un bisogno di relazione che trova nella comunicazione a distanza una possibilità di soddisfazione.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato