Boom di emergenze per dolore e rotture, + 20% richieste per colpa di cibi dolci

Redazione DottNet | 25/01/2010 11:48

dentisti protesi

Mal di denti e sorriso danneggiato. Le tavolate e gli stravizi delle feste appena passate hanno lasciato il segno nelle bocche dei molti italiani costretti a rivolgersi al dentista d'urgenza per il dolore da carie 'accese' dai troppi zuccheri ingurgitati o per la rottura di denti e protesi che non hanno retto a torroni o a maldestri tentativi di rompere nocciole o addirittura noci.

"In queste ultime settimane sono aumentate di oltre il 20% le chiamate d'urgenza agli odontoiatri, la maggioranza delle quali per forti dolori legati a carie 'attivate' dagli zuccheri'", stima Nicola Esposito, segretario culturale nazionale dell'Associazione dentisti italiani (Andi). "Nel periodo delle feste si registra una recrudescenza di patologie odontoiatriche legate all'assunzione di zuccheri. Denti cariati che non hanno mai dato dolori al paziente si 'svegliano' in presenza di alimenti molto dolci, assunti in quantità in questi giorni. Ciò è dovuto a una reazione che lo zucchero produce penetrando con la saliva all'interno del dente. In questo modo piccole carie possono dare dolori lancinanti e improvvisi". In questi casi, spesso "il dente non può essere semplicemente otturato, ma siamo costretti a cure complesse, come la devitalizzazione perché si è arrivati a stadi avanzati di carie", spiega il dentista. Durante le feste e subito dopo per i dentisti ci sono, anche se in misura minore, le urgenze da 'dente' saltato per quelli che non rinunciano a cibi duri come torroni o che si 'scontrano' con gusci di noci e nocciole."Nel caso di rottura di protesi e ricostruzioni - conclude Esposito - il problema non è sempre risolvibile in tempi brevi. Se si rompe una capsula, una corona in ceramica, a parte la sostituzione provvisoria, è necessario infatti l'intervento del laboratorio e i tempi si allungano".