Più problemi a scuola per bambini ambidestri da adolescenti rischiano sintomi iperattività

| 08/02/2010 12:53

Vita dura fra i banchi per i bambini ambidestri. Secondo una recente ricerca, infatti, questi piccoli sono più a rischio di difficoltà del linguaggio e problemi a scuola rispetto ai coetanei mancini o destrorsi. E' quanto emerge da uno studio condotto dall'Imperial College di Londra (GB), insieme ad altri istituti di ricerca nord-europei, pubblicato su 'Pediatrics'. Secondo gli autori questo studio può aiutare gli insegnanti a identificare i bambini particolarmente a rischio di sviluppare questo tipo di problemi.

Circa una persona su 100 è ambidestra. Lo studio ha monitorato 8.000 bambini finlandesi, 87 dei quali ambidestri, scoprendo che questi ultimi a 7-8 anni sono due volte più a rischio di difficoltà nel linguaggio e di scarsa performance scolastica rispetto ai coetanei che usano solo la mano destra, o dei mancini. Non solo. Arrivati a 15-16 anni gli ambidestri rischiano il doppio degli altri di presentare sintomi di Adhd (iperattività e deficit di attenzione). Non solo, questi adolescenti riferiscono anche maggiori difficoltà di linguaggio rispetto agli altri.
Secondo Alina Rodriguez, la ricercatrice britannica che ha diretto lo studio, la condizione di chi usa indifferentemente la destra o la sinistra "è intrigante: non sappiamo perché solo alcune persone non abbiano preferenze, mentre la maggioranza sceglie o la mano destra o la sinistra. Il nostro studio - sottolinea - è interessante perché suggerisce che alcuni bambini ambidestri possono avere difficoltà scolastiche maggiori rispetto ai coetanei". L'esperta sottolinea la necessità di ulteriori lavori per far luce sulle motivazioni di questo fenomeno.