Cattolica Roma, training a specializzandi su emergenze pediatriche

| 17/02/2010 16:07

L'approccio al bambino in emergenza, la gestione di base delle vie aeree, il politrauma, il trattamento dell'arresto cardio-respiratorio e dell'insufficienza respiratoria, le caratteristiche della rianimazione del nuovo nato, il trattamento dello shock, le urgenze aritmiche e neurologiche, gli aspetti etici e psicologici nelle emergenze pediatriche. Sono gli argomenti principali del corso Pediatric Advance Life Support (Pals), in programma da giovedì a sabato al Policlinico universitario Gemelli di Roma.
 

Promosso delle scuole di specializzazione della Cattolica in pediatria, e anestesia e rianimazione, in collaborazione con l'Italian Resuscitation Council (Irc), il corso è stato pensato per i medici specializzandi delle due scuole per acquisire fin durante il periodo di formazione curriculare quelle competenze per un supporto avanzato delle funzioni vitali in pediatria. Obiettivo del corso - si legge in una nota dell'università romana - è di far acquisire agli specializzandi, tramite simulazioni cliniche pratiche, l'applicazione delle linee guida internazionali riguardo le procedure da eseguire per fronteggiare qualsiasi emergenza pediatrica.
Una tre giorni di training intensivo, in cui i partecipanti si troveranno a dover gestire e condurre diverse situazioni di emergenza, imparando a lavorare in equipe. Prove di valutazione teorica delle
conoscenze acquisite e di pratica relativa alla gestione di uno scenario di emergenza pediatrica, secondo le linee guida proposte, concluderanno l'iter formativo. Il superamento delle prove permetterà di conseguire la certificazione 'esecutore Pals', riconosciuta dall'Irc, dall'European Resuscitation Council (Erc) e dall'International Liaison Committee on Resuscitation (Ilcor).

Fonte: Adnkronos