Maxi sequestro di farmaci falsi a Fiumicino

Redazione DottNet | 19/02/2010 15:41

Ammontano a 240 mila le false pillole per la cura delle malattie cardiache sequestrate dalla Guardia di Finanza e dal servizio antifrode merci della Dogana in forza all'aeroporto di Fiumicino. I colli, apparentemente regolari che provenivano dall'India sono stati sottoposti ad accurata ispezione doganale e a successivi accertamenti al termine dei quali e' emerso che le compresse erano contraffatte, anche se del tutto identiche a un farmaco normalmente destinato alla cura dell'Angina pectoris.

La vendita dei medicinali avrebbe fruttato circa 200 mila euro. Secondo gli esperti che hanno sequestrato il farmaco contraffatto, le modalità di falsificazione e di confezionamento avrebbero potuto ingannare chiunque. Soltanto grazie all'accurato esame effettuato dai militari e dai funzionari, in collaborazione con lì'azienda titolare del brevetto farmaceutico, è stato accertato che le pillole non solo non avrebbero avuto gli effetti sperati, ma potevano mettere a rischio la salute dei consumatori. Il principio attivo (trimetazidina) presente era in quantità inferiore al farmaco originale e il suo rilascio sarebbe avvenuto secondo tempistiche e modalità diverse. Infine, nelle pasticche contraffatte i chimici hanno rilevato la presenza di impurità in misura di gran lunga superiore al limite consentito per legge.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato