Aids, test genetico per le terapie personalizzate

Infettivologia | | 24/02/2010 10:14

Un test genetico per personalizzare la terapia anti-Hiv e scongiurare effetti avversi di farmaci nei sieropositivi e' stato messo a punto dal gruppo di ricerca di Pierluigi Navarra, dell'Istituto di Farmacologia della Cattolica di Roma.

 Il test predice il rischio individuale di reazione da ipersensibilità del farmaco antiretrovirale Abacavir, usato in combinazione con altri farmaci nel trattamento dell'infezione causata dal virus dell'HIV. Frutto di due anni di studio e di ricerca, il test è stato validato con il supporto della Clinica delle Malattie Infettive della Cattolica, diretta da Roberto Cauda, con il contributo della GlaxoSmithKline, produttrice del farmaco, che ha fornito i campioni per convalidare la metodica. Si tratta di un test del Dna in grado di individuare in tempi rapidi soggetti che, a causa del loro assetto genetico, sono predisposti a sviluppare reazioni avverse anche gravi dopo somministrazione del farmaco antiretrovirale Abacavir. Sono già quaranta i pazienti in terapia sulla base dei risultati ottenuti dal test da oggi disponibile per i degenti e per i pazienti ambulatoriali del Policlinico Gemelli dietro presentazione di impegnativa del medico curante; è un procedimento diagnostico che va eseguito sotto la stretta supervisione dello specialista in malattie infettive.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato