Effetti di una dieta altamente energetica sul carcinoma mammario primario e metastatico e sull'efficacia della metformina

| 09/03/2010 12:44

Recenti studi condotti su animali hanno dimostrato che la limitazione dell'energia apportata dal regime alimentare è in grado di reprimere sia la tumorigenesi mammaria sia la crescita del tumore mammario particolarmente aggressivo. La metformina, come mimetico della restrizione calorica, ha una lunga storia di uso sicuro come sensibilizzante di insulina nei diabetici e ha dimostrato la capacità di ridurre l'incidenza del cancro e la mortalità correlata al cancro negli esseri umani.
Per determinare il potenziale impatto della disponibilità di energia attraverso la dieta e la terapia con metformina sulla crescita del tumore della mammella e delle metastasi aggressive, è stato impiegato un modello ortotopico singenico, utilizzando cellule tumorali 66cl4 in topi Balb /c. L'effetto delle restrizioni alimentari, una dieta standard di manutenzione o di una dieta con alti livelli di zucchero libero, sono stati testati per i loro effetti sulla crescita del tumore e metastasi secondaria al polmone.

La terapia con metformina con le diete diverse, ha indicato che la metformina può essere molto efficace nel sopprimere biomarcatori metabolici come l'IGF-1, insulina e glucosio, in particolare nella dieta ad alto contenuto energetico degli animali trattati. Il trattamento a lungo termine con la metformina ha mostrato effetti significativamente moderati sulla crescita del tumore primario, la più significativa, in associazione con la dieta ad alta energia. Rispetto alla dieta di controllo, la dieta ad alto contenuto energetico ha promosso la crescita tumorale, l'espressione infiammatoria delle adipochine quali la leptina e la resistina, indotto dal priming polmonare derivate dal midollo osseo della cellule mieloidi e promosso dal potenziale metastatico. La metformina non ha avuto effetti sull'espressione delle adipochine o sullo sviluppo di metastasi polmonari con la standard o la dieta ad alto contenuto energetico. Questi dati indicano che la metformina potrebbe avere un attività antitumorale caratterizzato dalla soppressione di un fenotipo metabolico del consumo del carburante, della sindrome metabolica e del diabete, ma può avere poco o nessun effetto sugli eventi di controllo della nicchia metastatica guidata dagli eventi proinfiammatorie.

Per ulteriori informazioni clicchi qui

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato