Malati cronici, troppe spese in farmaci

Farmaci | Redazione DottNet | 15/03/2010 19:31

Accesso carente e con grosse disparità da Regione a Regione, e una spesa privata che arriva a 2.500 euro l'anno. Questo il conto che pagano i malati cronici per curare le loro patologie secondo il IX Rapporto sulla cronicità presentato a Roma dal Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici di Cittadinanzattiva (Cnamc).

 La metà delle associazioni che hanno contribuito al Rapporto (48 delle oltre 80 che aderiscono al Cnamc) segnala la disomogeneità nella distribuzione dei farmaci tra Regioni e anche fra le Asl della stessa Regione, ma anche la limitazione da parte di ospedali e Asl per limiti di budget, la non rimborsabilità di alcuni farmaci che si trovano in fascia C, a totale carico dei cittadini, nonostante siano indispensabili per la salute degli stessi. Ma rientrano nelle spese a carico dei cittadini anche i parafarmaci come integratori alimentari, alimenti particolari, creme e pomate, lacrime artificiali, nonostante siano considerati assolutamente necessari al trattamento delle patologie.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato