La nuova frontiera del risparmio: nasce il turismo farmaceutico

Farmaci | Redazione DottNet | 21/03/2010 11:33

Oltre al ben noto fenomeno del 'turismo sanitario', la crisi sta dando origine anche al 'turismo farmaceutico', con malati che per si spostano da regioni in cui medicine molto costose non vengono rimborsate in altre in cui invece sono a carico del Servizio Sanitario. Lo ha affermato Walter ricciardi, direttore dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute, durante la presentazione del rapporto Osservasalute 2009.

''Il fenomeno è difficile da quantificare, ma è emerso da diversi studi - spiega Ricciardi - ci sono farmaci come quelli per la degenerazione maculare o l'artrite reumatoide che costano diverse migliaia di euro a dose, e poche regioni decidono di rimborsarli integralmente. Si assiste quindi al fenomeno di pazienti che prendono la residenza magari da un parente o da un conoscente nelle aree dove possono ottenerli''. Il problema spesso non è di cattiva volontà da parte delle Regioni, ha fatto notare Eugenio Anessi Pessina, ordinario di Economia dell'università Cattolica: ''Spesso si tratta di regioni che stanno cercando di rientrare dal disavanzo - ha affermato - e quindi devono destinare le risorse ad altre iniziative''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato