Fra 15 anni i veterinari pubblici saranno dimezzati

Professione | Redazione DottNet | 24/03/2010 19:17

Nell'arco di 15 anni la perdita percentuale degli organici della veterinaria pubblica, impegnata a salvaguardia della sicurezza alimentare e della sanità animale, sfiorerà il 50%. A lanciare l'allarme è Fvm, il sindacato dei medici e dei veterinari di medicina pubblica, che in una nota sottolinea come i servizi di veterinaria pubblica siano già pesantemente sotto organico per il blocco del turnover. Nei prossimi 10 anni, precisa il presidente Fvm Aldo Grasselli, ''sono circa 1.500 i veterinari che andranno in pensione, su un totale di circa 5.800 unità. E con il blocco del turnover nessuno di loro sarà reintegrato''. ''I rischi di una riduzione così massiccia - continua Grasselli - sono di un calo nell'attenzione alla prevenzione con conseguenze pesanti anche sulla salute umana.

E questo comporterà, inevitabilmente, un ricorso sempre maggiore alle cure mediche e l'aumento del tasso di ospedalizzazione. Pertanto si avranno costi sociali ed economici elevatissimi. Altro che risparmi''. Un impoverimento delle potenzialità professionali mediche e veterinarie per la tutela della salute animale e umana, osserva il presidente Fvm, ''avrà effetti che saranno evidenti solo a medio-lungo termine, ma che non saranno per questo meno devastanti''. Il presidente dei medici e dei veterinari di medicina pubblica pone infine l'accento sul ricorso massiccio all'utilizzo del precariato:''una consuetudine ormai anche nella veterinaria pubblica, dove il personale precario è impegnato in attività di prevenzione ormai da circa 10 anni in condizioni sempre più frustranti. Troppo spesso - secondo Grasselli - i direttori generali utilizzano personale non dipendente, precari e convenzionati, per rispondere a logiche di scambio politico, aggirando l'obbligo dei concorsi. E creando una costante situazione di insicurezza per chi lavora e per la qualità dei servizi sanitari''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato