Asma infantile: esposizione precoce a allergeni interni, endotossine e beta (1,3) - glucani

| 25/03/2010 17:05

chirurgia fegato laparoscopia oculistica osteoporosi retina tumore-prostata alzheimer cancro-prostata

Risultati divergenti sono stati segnalati per quanto riguarda l'esposizione nei primi anni di vita ad agenti ambientali interni ed il rischio di asma e sensibilizzazione allergica andando più avanti con l’età. L’obiettivo di uno studio condotto dal “Department of Environmental Immunology” e dalla “Division of Environmental Medicine” del “Norwegian Institute of Public Health” a Oslo è stato quello di valutare se l’esposizione precoce ad allergeni interni, a endotossine e a beta (1,3) – glucani modifica il rischio di malattie allergiche a 10 anni di età. Per tale scopo sono state determinate le concentrazioni in polvere di acari, allergeni di cane e gatto, endotossine e beta (1,3)-glucani nelle abitazioni di 260 bambini con 2 anni di età la cui funzione polmonare è stata misurata al momento della nascita (volume corrente di flusso a cicli) nell’ “Environment and Childhood Asthma study” a Oslo.

A 10 anni, lo stato di salute è stato valutato in uno studio supplementare che ha compreso un'intervista strutturata ai genitori e un esame clinico esteso. Cani e gatti presi all’età di 2 anni sono stati riportati nel 5.5% e 6.5% delle famiglie rispettivamente. Acari allergeni sono stati rilevati in solo 4 dei 260 campioni di polvere. L’odds ratio (rapporto di probabilità) per l’asma registrato all’età di 10 anni era 1.20 (intervallo di fiducia di 95%: 1.01-1.43) e 1.22 (1.02-1.46) per iperreattività bronchiale (BHR) per ogni aumento di 10 mug/g di polvere nell'esposizione dell'allergene del gatto a 2 anni. Nessuna associazione è stata osservata con la sensibilizzazione allergica. Nessuno dei fattori ambientali misurati è stato associato alla funzione polmonare a 10 anni di età o ad un cambiamento rispetto della funzione polmonare della nascita. I dati ottenuti da questo studio hanno rilevato che in una comunità con una bassa prevalenza di animali da compagnia e bassi livelli di acari allergeni, l'esposizione agli allergeni di gatto nei primi anni di vita aumenta il rischio di asma infantile tardiva e iperreattività bronchiale BHR, ma non il rischio di sensibilizzazione allergica. Nessuna modifica del rischio è stata osservata per gli allergeni di cane, endotossine e beta (1,3)-glucani