Genesi fonetica nei bambini con impianti cocleari

Otorinolaringoiatria | | 26/03/2010 12:09

Ricerche condotte in passato sui bambini con impianti cocleari (IC) si sono concentrate sul miglioramento nella percezione del linguaggio, ma sono stati effettuati pochi studi sulla produzione del linguaggio. La letteratura sullo sviluppo del linguaggio nei bambini affetti da sordità prelinguale con impianti cocleari è quindi particolarmente scarsa. Ciò è in parte dovuto alla difficoltà di trascrivere le produzioni vocali dei bambini piccoli. Lo scopo di uno studio condotto dal “Pediatric Auditory and Speech Sci “ in collaborazione con il “duPont Hospital for Children” di Wilmington è stato quello di capire se i cambiamenti evolutivi nelle voci possono essere acquisiti in assenza di dati foneticamente trascrivibili.

Il soggetto, un bambino con sordità perlinguale di 22 mesi all'inizio dello studio, è stato uno dei sei bambini con impianto cocleare sottoposto ad uno studio longitudinale in corso . I dati audio e video sono stati raccolti una o due volte alla settimana durante la terapia uditivo-verbale all’ ospedale per bambini “Alfred I. duPont “. Un autore ha percettivamente categorizzato le voci dei bambini (come vocalizzi) in termini di altezza massima (alta, media, bassa) e posizione (avanti,in mezzo e dietro). Le caratteristiche acustiche (coefficienti “barkscale Cepstral”) sono state poi utilizzate per tracciare funzioni lineari discriminanti sugli stessi dati vocali e usate per predire le categorie vocale percettiva. Nei risultati preliminari il 62% dei casi è stato correttamente classificato per posizione e il 67% per altezza.

Per avere ulteriori informazioni sui risultati clicchi qui
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato