Studio rileva rischi da statine, ma esperti scettici

Redazione DottNet | 18/09/2008 14:01

Uno studio norvegese rileva un aumento pari al 50% del rischio di cancro fra i pazienti in terapia con la pillola anticolesterolo '2 in 1' Inegy*, che associa simvastatina ed ezetimibe. Ma la comunità scientifica è scettica, e pur evidenziando la necessità di approfondire le indagini, invita le persone in trattamento con farmaci anticolesterolo a non abbandonare la cura prescritta se non sotto consiglio del medico. La discussione parte dai risultati di un piccolo trial condotto dall'Ulleval University Hospital di Oslo, pubblicato e commentato sul 'Nejm'.
 

Gli autori hanno osservato che fra i pazienti in terapia con Inegy* si registravano, su un periodo di 4 anni, 105 casi di cancro contro i 70 diagnosticati nel gruppo placebo. Si trattava di tumori di vario tipo, ma con una correlazione più netta per i carcinomi alla prostata e alla pelle. Terje Pederson, coordinatore della ricerca, spiega che i risultati ottenuti potrebbero anche essere casuali. Butta acqua sul fuoco anche un editoriale di commento diffuso dallo stesso 'Nejm', in cui si sottolinea che prima di puntare il dito contro il farmaco sono necessari più dati. Da un'analisi della Oxford University, sullo studio norvegese e su altri due trial simili, emerge infatti l'assenza di una correlazione evidente fra la terapia con simvastatina-ezetimibe e un'aumentato rischio di cancro. Anche Mike Knapton della British Heart Foundation sostiene la sicurezza delle statine, si legge sulla Bbc online. Lo specialista ritiene che sia "cruciale" cercare di far luce sui risultati dello studio norvegese, ma incoraggia i pazienti a proseguire la terapia e a discutere con il medico ogni eventuale dubbio. I produttori di Inegy* (Merck/Schering-Plough) considerano "anomali" i dati rilevati dagli scienziati scandinavi, spiega un portavoce, assicurando però che le aziende si impegneranno ad approfondire il risultato.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato