"La salute sessuale nella donna. l'età fertile" 22 maggio 2010

| 14/04/2010 15:32

enpam prevenzione previdenza sanità-pubblica ministero-economia

Sabato 22 maggio presso l'Aula Magna Nuove Patologie del S. Orsola di Bologna si terrà il Congresso "La Salute della Donna in Età Fertile". È questa la seconda edizione degli incontri sulla Salute Sessuale della Donna. Quest’anno tratteremo le tematiche relative alla donna in età fertile, dall’adolescenza alla premenopausa. Un tema che oltre all’importanza clinica assume una rilevanza particolare in ambito sociale, legata al mutamento del ruolo della donna all’interno dei meccanismi sociali.

Discuteremo le ultime novità nel campo della diagnosi e del trattamento dei disturbi funzionali del ciclo mestruale. Verranno affrontati i molteplici aspetti legati ai disturbi della differenziazione sessuale e le terapie finalizzate alla tutela della salute delle pazienti affette da tali patologie. Perché ciò avvenga è necessario un approccio olistico che tenga in considerazione i molteplici aspetti che compongono questi disturbi. Negli ultimi anni si sono registrati notevoli progressi che hanno portato ad un aumento delle scelte contraccettive: < per tutte le donne ma un contraccettivo per ogni donna>>, un contraccettivo cioè, che si adatti alle esigenze della donna, al suo stato di salute, alle sue necessità e ai suoi desideri in quel particolare momento della vita. Lo studio e la conoscenza approfondita di tutti gli aspetti delle nuove formulazioni fornirà, a noi operatori, gli strumenti per aiutare la donna ad orientarsi nel percorso di scelta del contraccettivo finalizzato non solo alla pianificazione di una gravidanza, ma anche dettato da esigenze terapeutiche, come in presenza di endometriosi o di alterazioni ormonali tali da avere ripercussioni negative sullo stato di salute presente o futuro (ad es. in caso di iperandrogenismi o di sindrome dell’ovaio policistico). Occorre infatti sottolineare come nel trattamento di donne in età non giovanissima, la contraccezione possa rivestire un vero e proprio significato terapeutico (si pensi, ad esempio, ai casi di metrorragie e di miomi uterini). Parlando di età fertile nella donna, ascolteremo poi le novità in tema di induzione dell’ovulazione e in tema di diagnosi ed eventuali possibilità di trattamento per le donne affette da fallimento ovarico precoce. Il congresso si chiuderà con la trattazione del rapporto fra ormoni e dolore cronico. Il dolore cronico interessa il 26% della popolazione in Italia; di questa percentuale il 56% sono donne. Vari studi suggeriscono come gli steroidi gonadici possano essere coinvolti sia nella percezione che nei meccanismi che generano e mantengono il dolore cronico.
Scopo quindi di questo corso sarà ancora un volta quello di analizzare insieme alcuni aspetti particolari della salute sessuale della donna alla luce dei nuovi sviluppi della tecnologia medica, con la piena consapevolezza che, al di là del trattamento della patologia, il miglioramento della qualità della vita del paziente resta il vero obiettivofinale del nostro operare.