Eiaculazione precoce: individuata anomalia sul gene DAT1, può essere ereditaria

Andrologia | | 26/04/2010 16:00

L'eiaculazione precoce potrebbe essere scritta nei geni. Uomini troppo veloci sotto le
lenzuola potrebbero aver ereditato un difetto genetico dai loro papà. A renderli 'Speedy Gonzales', con ripercussioni spesso drammatiche sulla coppia nonché sulla propria autostima, un'anomalia nel gene che rilascia dopamina. Si tratta di un neurotrasmettitore che gioca un ruolo cruciale su diversi fronti: dai movimenti alla capacità di attenzione, dalla percezione del piacere agli effetti sul nostro cervello di una ricompensa. Ricercatori svedesi e finlandesi in team, per giungere a queste conclusioni, hanno chiesto a 1.300 uomini tra i 18 e i 45 anni la durata media dei loro rapporti sessuali. Parallelamente hanno analizzato campioni di saliva per verificare la presenza del difetto genetico finito sotto la lente di ingrandimento degli studiosi, sul gene 'DAT1'.

Ebbene i risultati, pubblicati sul 'Journal of Sexual Medicine, hanno mostrato che gli uomini con performance troppo brevi, ovvero alle prese con eiaculazione precoce, presentavano l'anomalia genetica in questione. Da qui la possibilità di nuove strade terapeutiche per un problema che affligge un alto numero di uomini, ben 4 milioni solo in Italia. Secondo gli scienziati, infatti, i farmaci alla dopamina potrebbero offrire nuove possibilità per contrastare uno scottante problema sotto le lenzuola.
Non a caso negli anni '70 questi medicinali usati nei malati di Parkinson avevano mostrato effetti afrodisiaci. ''I risultati di questo studio - hanno concluso i ricercatori - indicano che i farmaci che colpiscono direttamente i livelli di dopamina possono essere nuovicandidati al trattamento''.
Fonte: Adnkronos
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato