Ue, sì agli incentivi ai medici che prescrivono generici

Farmaci | Redazione DottNet | 02/05/2010 08:48

Il sì della Corte di Giustizia europea agli incentivi statali ai medici che prescrivono farmaci equivalenti si spera ''sia di stimolo a quei Paesi, come l'Italia, dove c'è una pericolosa inerzia nella promozione di questo settore''. Così il presidente di AssoGenerici, Giorgio Foresti, in una nota. Assogenerici indica alcune misure che intende prendere per favorire lo sviluppo degli equivalenti in Italia. ''Per il rapido accesso al mercato dei farmaci equivalenti alla scadenza del brevetto - spiega - si potrebbero stabilire meccanismi di fissazione automatica del prezzo di rimborso, e mettere al bando tutte le pratiche dilatorie già denunciate''.

 Per i medicinali di uso ospedaliero poi, AssoGenerici chiede la creazione di regole più chiare per determinare il prezzo a base d'asta delle gare che corrisponda al prezzo contrattato con l'Aifa, e la revisione dei pagamenti da parte di Asl e Aziende Ospedaliere, spesso in ritardo. Quanto ai farmaci biosimilari, ''riteniamo - conclude Foresti - che si debba giungere a un allineamento con le Direttive Europee perché la normativa nazionale, che già stabilisce che i medicinali di origine biologica simili non possono essere trattati come i prodotti generici (sostituzione automatica non ammessa), non si traduca in una loro discriminazione''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato