Fazio, no alla riduzione prezzi per i farmaci innovativi

Redazione DottNet | 02/05/2010 08:50

farmaci farmindustria fazio sanità

Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, è ''personalmente contrario a ridurre il prezzo dei farmaci innovativi''. A spiegarlo è lo stesso Fazio ad un incontro organizzato dall'associazione Distributori farmaceutici. ''I prezzi dei farmaci innovativi in Italia sono a livelli attualmente più bassi degli altri paesi europei'', ha spiegato infatti il ministro, aggiungendo che ''se un domani il fatturato continuasse ad aumentare, così come è previsto, si potrebbero fare dei ritocchi. Ma credo che sarebbe opportuno, prima di andare a toccare i prezzi, andare a vedere se ci sono altri settori in cui poter recuperare risorse''. In tal senso, tra le proposte suggerite da Fazio c'è quella di ''andare a mettere ordine nella distribuzione, un settore dove si può fare molto. Per questo mi aspetto proposte concrete dall'associazione dei distributori farmaceutici''.

Nello specifico Fazio ha sottolineato che nel ''2008-2009 la farmaceutica ospedaliera ha avuto uno sforamento di 1800 milioni'' e che c'è la necessità di spostare una parte della distribuzione della sul territorio, altrimenti, nei prossimi 15 anni il sistema rischia di implodere''. ''Apprezziamo sia il dialogo, sia il metodo che la visione complessiva che il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha del nostro settore, sia le idee che sta portando avanti per riformarlo. Noi ci sentiamo naturalmente vincolati a collaborare per ridurre le inappropriatezze di sistema, che ci sono e sulle quali noi vogliamo fare una lotta senza quartiere''. E' quanto il presidente di Farmindustria, Sergio Dompè. D'altronde il ministro, aggiunge Dompe' commentando le affermazioni di Fazio circa la sua contrarietà ad aumentare i prezzi dei farmaci innovativi, ''ha correttamente rilevato quello che emerge da confronto internazionale assolutamente evidente: ovvero che il costo medio della farmaceutica italiana è il 30% più basso della media europea. Ora speriamo - conclude - che si possa arrivare a dei risultati concreti. Noi faremo di tutto perché questi risultati ci siano''.